FST Mediateca Toscana Film Commission

Mediateca - Ultime Acquisizioni

- DVD -

Hostiles - Ostili = Hostiles / written for the screen, produced and directed by Scott Cooper
USA, 2017.
Ambientato nel 1892, è la storia di un leggendario capitano dell'esercito che accetta con riluttanza di scortare un capo guerriero Cheyenne in punto di morte e la sua famiglia fino alle loro terre natie. I due vecchi rivali affrontano un viaggio di proporzioni simili all’Odissea, mille miglia di cammino da Fort Berringer, un isolato accampamento nel Nuovo Messico, alle praterie del Montana. Durante il viaggio incontreranno una giovane vedova, i cui cari sono stati assassinati in quelle pianure, e insieme dovranno sopravvivere a quel paesaggio spietato e alle ostili tribù Comanche.
Le ereditiere = Las herederas / scritto e diretto da Marcelo Martinessi
Paraguay, Uruguay, Brasile, Francia, Norvegia, Germania, 2018.
Chela e Chiquita, entrambe discendenti di famiglie benestanti, stanno insieme da oltre trent'anni. Da qualche tempo, però, la loro situazione finanziaria è peggiorata e sono costrette a svendere i beni ereditati. Quando poi Chiquita viene arrestata per frode, Chela deve far fronte a una realtà inaspettata. Guidando per la prima volta dopo anni, comincia a fare da taxista per un gruppo di anziane signore benestanti. Nel corso di questa sua nuova vita, ha modo di incontrare la giovane Angy e di forgiare con lei un importante legame.
Egon Schiele = Egon Schiele: Tod und Mädchen / regia di Dieter Berner
Lussemburgo, Austria, 2016.
Nella Vienna dei primi anni del 900, il giovane Egon Schiele è già un artista provocatorio e controverso. La sua arte è ispirata da donne affascinanti e disinibite, da sua sorella e sua prima musa Gerti e la diciassettenne Wally, probabilmente suo unico vero amore, immortalata nel suo famoso dipinto “La morte e la fanciulla”. Mentre i dipinti di Schiele creano scandalo, portando l’artista anche in tribunale con l’accusa di abuso su una minorenne e di “pornografia”, collezionisti lungimiranti e artisti già acclamati come Gustav Klimt, iniziano a riconoscere l’eccezionale valore della provocatoria e tormentata arte del giovane. Lo scoppio della Prima Guerra Mondiale metterà a rischio la sua libertà artistica, costringendolo a scelte dolorose in nome dell'arte. Morirà giovanissimo ma il suo stile inconfondibile e l'eccezionale lascito delle sue opere lo consacrerà all'immortalità.
Il vizio della speranza / regia di Edoardo De Angelis
Italia, 2018.
Lungo il fiume scorre il tempo di Maria, il cappuccio sulla testa e il passo risoluto. Un'esistenza trascorsa un giorno alla volta, senza sogni né desideri, a prendersi cura di sua madre e al servizio di una madame ingioiellata. Insieme al suo cane pitbull dagli occhi coraggiosi Maria traghetta sul fiume donne incinte, in quello che sembra un purgatorio senza fine. È proprio a questa donna che la speranza un giorno tornerà a far visita, nella sua forma più ancestrale e potente, miracolosa come la vita stessa. Perché restare umani è da sempre la più grande delle rivoluzioni.
Annientamento = Annihilation / written and directed by Alex Garland
Gran Bretagna, USA, 2018.
La biologa ed ex soldato Lena, il cui marito partecipa a missioni militari segrete, è disperata per il suo mancato rientro. L'uomo finalmente torna a casa ma non sa però spiegare cosa gli sia successo, non ricorda niente e sta misteriosamente male. La biologa verrà così a conoscenza di un'anomalia verificatasi anni fa e tenuta segreta: un'area da cui nessuno ha mai fatto ritorno tranne appunto suo marito, che sembra però prossimo a morire. Decide così di affrontare questo enigma e partecipa alla prossima spedizione, insieme ad altre quattro donne, ognuna esperta in un diverso campo scientifico.
Black Panther = Black Panther / directed by Ryan Coogler
USA, 2018.
Costretto a salire sul trono di Wakanda a seguito di una tragedia, il principe T'Challa viene chiamato ad affrontare una difficilissima sfida, nel tentativo di proteggere il destino del suo paese e del mondo intero. Il nuovo re, messo contro la sua stessa famiglia, dovrà radunare i suoi alleati e scatenare il potere di Black Panther per sconfiggere i suoi nemici e prepararsi al suo futuro da Avenger.
Isadora = Isadora / directed by Karel Reisz
Gran Bretagna, Francia, 1968.
Nizza, 1927. La celebre ballerina Isadora Duncan, oramai alle soglie dei cinquant'anni, sta dettando le sue memorie ad un giovane segretario. Ridotta ormai alla povertà, ma ancora assetata di vita, Isadora rievoca appassionatamente le tappe del suo successo e gli incontri con gli uomini che riempirono la sua esistenza come lo scenografo Gordon Craig, l'industriale Singer, il poeta Essenin.


- LIBRI -

Bambole perverse : le ribelli che sconvolsero Hollywood / Mariuccia Ciotta, Roberto Silvestri ; prefazione di Luca Guadagnino
Milano : La Nave di Teseo, 2018.
Un “catalogo delle donne” moderno e cinematografico, che racconta le nuove dive del grande schermo, da Emma Watson a Meg Ryan, da Eva Green a Kirsten Stewart a Tilda Swinton. Donne ribelli, che fanno saltare convenzioni e generi, che sgretolano gli stereotipi. Donne libere ed eversive, che impongono mode, scompigliano la scena e il bon ton borghese. Che siano maschiette contemporanee, icone del femminismo o dive dal fascino noir, sono tutte inimitabili e bellissime. Questo libro ne racconta le storie, dagli inizi della loro carriera ad oggi, attraverso gli episodi più significativi e i fi lm che ne hanno fatto la storia, con un taglio narrativo e al tempo stesso critico.
Cinema educatore : l'Istituto Luce dal fascismo alla Liberazione (1924-1945) / Fiamma Lussana
Roma : Carocci, 2018.
Il volume si propone di ricostruire la storia dell'Istituto Nazionale Luce nel ventennio 1924-1943, negli anni cioè che intercorrono dalla sua fondazione fino alla caduta del fascismo. Finalità scientifica principale è offrire un contributo innovativo alla storia del fascismo italiano attraverso l'analisi della più grande fonte audiovisiva della memoria collettiva nazionale, volta a enfatizzare le opere del regime, ma anche a documentare la vita quotidiana di tutti gli italiani.
Le trentasei situazioni drammatiche : [un classico della drammaturgia riletto da un grande regista contemporaneo] / Mike Figgis ; traduzione di Giuseppe Contarino
Roma : D. Audino, stampa 2018.
Rivisitazione in chiave moderna del classico del drammaturgo francese George Polti, questo libro si propone a scrittori e sceneggiatori come strumento per pensare alla trama in modo completamente nuovo. Era il 1850 quando il drammaturgo francese George Polti arrivava alla conclusione che ogni dramma è costruito su una combinazione di situazioni riconoscibili, trentasei in tutto, e le illustrava con esempi tratti dal teatro classico e francese. Tradotto in inglese nel 1921, il suo "Le 36 situazioni drammatiche" divenne presto un classico della drammaturgia. Nel 2017 il regista e sceneggiatore Mike Figgis, alle prese con la stesura del trattamento di un suo film, si trova per caso tra le mani il classico di Polti. Lo legge e subito si accorge che il suo orizzonte creativo ne viene ampliato e che le idee adesso gli si presentano con maggiore semplicità. Comprendendo quindi l'importanza delle "Trentasei situazioni" come sistema di riferimento, intuisce che, spostandone il focus dal teatro al cinema, quel libro potrebbe diventare uno strumento di grande utilità non solo per gli sceneggiatori, ma per chiunque voglia narrare una storia. Da questa intuizione nasce il suo "Le trentasei situazioni drammatiche", che offre un'analisi dettagliata delle situazioni di Polti, approfondendole con esempi tratti da alcuni dei più importanti film della storia del cinema, da "Quarto Potere" a "Inception".
Vittorio De Sica : l'arte della scena / Flavio De Bernardinis
Roma : Centro Sperimentale di Cinematografia, 2018.
De Sica raffigura tutte le contraddizioni di un simile passaggio, rappresentandole con indole di vero artista e profondità di impegno morale ma soprattutto intellettuale. Perché tale è in fondo lo scopo di questo libro. Raccontare sì la storia di un attore, di un cantante, di un regista: ma anche, soprattutto, disegnare il ritratto di un artista della scena e, last but not least, di un intellettuale, alacremente e laboriosamente impegnato a cogliere le contraddizioni della cultura, della società, delle istituzioni, dello Stato. Vittorio De Sica artista e intellettuale, figura capace di mettere in scena il cuore pulsante delle classi sociali della nazione, e al tempo stesso riflettervi sopra un pensiero critico acuto e profondo.
Piero Umiliani : in parole e musica / a cura di Andrea Campanella
[S.l.] : Haze, 2014.
Celebre autore di musiche indimenticabili, come ”MAH NA MAH NA” NEL MUPPET SHOW o la colonna sonora di I SOLITI IGNOTI e di tante altre produzioni italiane leggere tra gli anni ‘60 e ‘70, il padre del genere Exotic e della Lounge Music è stato soprattutto musicista inconfondibile e talentuoso, come ricordano i molti colleghi autorevoli e i registi con cui ebbe occasione di lavorare: nelle loro parole e nelle immagini di questo libro, tutto il racconto di un’avventura straordinaria, nel segno della musica e di un’Italia che appare un Paese molto distante dall’attuale.
Fate la storia senza di me / Albertino Bonvicini ; a cura di Mirko Capozzoli ; prefazione di Alberto Papuzzi
Torino : Add, 2011.
Alberto Bonvicini nasce nel 1958 e a tre anni entra in orfanotrofio. Un giorno inghiotte una biglia di vetro, ha nove anni, è una cosa da bambini, ma in ospedale mostra segni di irrequietezza e per questo viene ricoverato a Villa Azzurra, l'ospedale psichiatrico dove incontra Giorgio Coda, il medico che usa l'elettroshock. Nel 1968 il Tribunale apre un'inchiesta, la procura indaga e sei anni dopo si apre un processo che infiamma l'Italia. Intanto Albertino ha trovato una famiglia che lo accoglie, ma in questa nuova vita porta con sé l'inquietudine che lo contraddistingue. Sono gli anni della protesta, e dietro l'angolo c'è la violenza. Il 2 maggio 1981 Albertino viene arrestato per i fatti dell'Angelo Azzurro. Si dichiara innocente, ma sconta due anni e mezzo di carcere e l'eroina entra nella sua vita. A Torino non c'è una comunità che possa accoglierlo. Va a Roma, Enrico Deaglio gli offre un lavoro a "Reporter" dove conosce Giuliano Ferrara. Sarà lui a volerlo nella redazione dei suoi programmi televisivi. Sembra l'inizio della normalità, ma non è così. Albertino si scopre malato di Aids e morirà nel 1991. La sua storia è raccontata nel documentario di Mirko Capozzoli con la voce narrante di Fabrizio Gifuni. Il libro raccoglie i diari scritti da Albertino negli anni del carcere.


[ << indietro ]